Scopri gli eletti
di tutte le edizioni
Eletti 2021 >
Eletti 2020 >
Eletti 2019 >
Eletti 2018 >
Eletti 2017 >
Eletti 2016 >
Eletti 2015 >
Eletti 2014 >
Eletti 2013 >
Eletti 2012 >
Eletti 2011 >
Eletti 2010 >
Eletti 2009 >
Eletti 2008 >
Eletti 2007 >
Eletti 2006 >
Possiamo aiutarti?
Ci serve qualche informazione
Grazie, abbiamo ricevuto il tuo messaggio e ti risponderemo al più presto.
Qualcosa è andato storto.
Corso Garibaldi 125, 20121 Milano02 45 49 17 04
7.5.20

Trasparenza e ricette in prima linea

In questo periodo, per la Generazione Z la trasparenza aiuta a proteggere la reputazione del marchio.

Le comunicazioni sulle pratiche commerciali, sulle emissioni di carbonio prodotte e la sostenibilità, sull’origine delle materie prime e sul trattamento dei dipendenti sono alcuni esempi di valori che un’azienda è importante che condivida con i propri consumatori. Rendere pubblicamente disponibili informazioni riguardanti l’approccio a questioni e pratiche sociali e ambientali rappresenta un valore aggiunto.
In questo modo i consumatori possono avere più fiducia nell’azienda e al tempo stesso scegliere il marchio nel quale riconoscersi in termini di valori e policy condivisibili. Esprimere questi valori diventa quindi un sistema premiante, mentre i marchi più reticenti a divulgare pubblicamente le loro pratiche potrebbero incorrere in una valutazione meno positiva da parte del grande pubblico.

Sono tanti gli esempi di aziende che si sono reinventate e diverse le realtà che hanno voluto mantenere le iniziative già progettate da tempo per non perdere la creatività di questi mesi di lavoro e anzi renderla una comunicazione che consenta anche adesso di sentirsi più vicini ai consumatori, in una sorta di nuova normalità.
Vicinanza e concretezza sembrano le parole chiave che animano diverse iniziative. In alcuni casi hanno portato ad uno stop della comunicazione commerciale a seguito dell’emergenza e spesso si sono orientate verso azioni concrete di sostegno al Paese, come donazioni a favore di enti pubblici e privati.

L’intrattenimento si manifesta in forme differenti per chi rimane a casa.

In questo periodo l’intrattenimento si è manifestato e continua a manifestarsi in forme differenti per chi è rimasto, e rimane a casa. Dal condividere un sorriso e un po’ di ottimismo con puntate tematiche che vedono alle prese chef rinomati che conducono un viaggio in terre e sapori della nostra tradizione, ai live demo che svelano i piccoli segreti indispensabili per preparare i migliori piatti che contraddistinguono il nostro Paese. E ancora Chef stellati che cucinano nelle mense dei bisognosi lanciando una call che coinvolge altri chef e aziende che forniscono materie prime per progetti di solidarietà. In alcuni casi ci sono attori che hanno prestato la loro voce pro bono per essere vicini agli italiani. Sempre con un tone of voice caldo, rassicurante e familiare.
Ricette e utensili da cucina risultano essere oggetto delle letture preferite dagli italiani nel mese di marzo, individuati come bisogni fisiologici al 52%. Secondo Teads si registra un aumento del consumo editoriale in un’ampia varietà di settori.

Si rileva un aumento delle vendite di articoli non essenziali su Internet.

Nel mese di aprile, in base a quanto dichiarato da Nextatlas, sebbene alle persone venga continuamente chiesto di acquistare solo ciò che è necessario, si rileva un aumento delle vendite di articoli non essenziali su Internet. L'ondata di transazioni digitali è comprensibile: l’obiettivo consiste nel ripristinare un senso di allegria - che è esattamente ciò di cui molti hanno bisogno / cercano al momento. L'attuale crisi è stata un'opportunità per introdurre e rafforzare lo shopping virtuale come attività di vita quotidiana. Molto probabilmente lo shopping online assumerà un ruolo centrale nei comportamenti dei consumatori da ora in poi. Le risorse online gratuite sono sempre maggiori e anche a livello di interazioni sociali la rete online che ci si è costruiti in questo periodo probabilmente rimarrà un trend che proseguirà ancora per un po’.

Torna a tutte le PdAnews
PARLA
CON PDA