Scopri gli eletti
di tutte le edizioni
Eletti 2021 >
Eletti 2020 >
Eletti 2019 >
Eletti 2018 >
Eletti 2017 >
Eletti 2016 >
Eletti 2015 >
Eletti 2014 >
Eletti 2013 >
Eletti 2012 >
Eletti 2011 >
Eletti 2010 >
Eletti 2009 >
Eletti 2008 >
Eletti 2007 >
Eletti 2006 >
Possiamo aiutarti?
Ci serve qualche informazione
Grazie, abbiamo ricevuto il tuo messaggio e ti risponderemo al più presto.
Qualcosa è andato storto.
Corso Garibaldi 125, 20121 Milano02 45 49 17 04
26.4.21

15 Minute Cities e i nuovi stili di vita

Eletto prodotto dell’Anno ha appena premiato 61 prodotti e servizi, trasversali per categoria merceologica, accomunati da una forte vocazione innovativa. Ma dove acquistano questi prodotti – e questi servizi – i nostri consumatori? Sono reperibili a 15 minuti di distanza dalla loro abitazione?

Le città si trasformano. Cosa sono le “15 minutes cities”?

La “città 15 minuti” (la ville du quart d’heure) è un modello urbano nel quale tutti gli abitanti di una città sono in grado di soddisfare la maggior parte delle proprie esigenze con spostamenti di 15 o 20 minuti dalle proprie abitazioni. Il concetto è stato reso popolare dal sindaco Anne Hidalgo di Parigi, a sua volta ispirato dallo scienziato Carlos Moreno, Professore associato presso l'Università di Parigi IAE-Pantheon Sorbonne in Francia.

Altri centri urbani, oltre Parigi, hanno attivamente deciso di perseguire questo modello di crescita e riqualificazione urbana: Melbourne, Detroit, Portland e le cosiddette C40 Cities, un’associazione di 40 città internazionali, che ha sposato l'idea della città 15 minuti, come modello per la ripresa economica post-Covid.

Nello sforzo di proporre nuovi scenari commerciali, dopo mesi di riduzione forzata degli spostamenti, dove le chiusure e i turni di transito hanno obbligato gli abitanti delle città a divenire autosufficienti all’interno del proprio quartiere, la “città 15 minuti” potrebbe aver dimostrato un grande potenziale. Vista in questa luce, la visione di Hidalgo e degli altri sostenitori del modello, sembra una svolta plausibile, se lo scopo della comunità è quello di conciliare innovazione, libero mercato e uno stile di vita a misura d’uomo.

Ma è possibile cogliere l’occasione di questa trasformazione urbana per creare nuove opportunità di crescita retail e riconquistare parte del mercato divorato dagli online marketplace? E come potrebbero viaggiare i nostri prodotti preferiti se si dovessero massivamente moltiplicare location e formati degli store da raggiungere?

Trasporto multimodale per le nuove smart cities

Laddove ogni quartiere dovesse convertirsi in piccola città autosufficiente, completa di office district, scuole, market, ristoranti e spazi culturali, l’urgenza delle grandi aziende sarebbe quella di arrivare con i propri prodotti in ognuna di esse. Ancora più preziose diventerebbero le piattaforme di mappatura intelligente e i servizi specializzati in trasporto multimodale. Ma di cosa si tratta?

Un assunto del mondo della logistica dice che il 40-50% del costo totale di consegna avviene sempre al termine del percorso.

Da qui nasce la costante esigenza di dotarsi di Last Mile Delivery System che guidino i conducenti turn-by-turn (addirittura all’interno degli spazi chiusi per le consegne al piano). Nei trasporti di lunga percorrenza il modello multi-modale si è sforzato anche di rendere più fluidi i viaggi che devono combinare mezzi di trasporto diversi o diverse tipologie di strada, senza rinunciare ad un tracciamento preciso ed efficiente del prodotto.

La sfida raccolta dal vivacissimo settore delle mappe intelligenti, non è solo legato al trasporto merci. Informazioni accurate, raccolte in tempo reale su traffico e route planning, diventano sempre più preziose per città che vogliono coordinare servizi di trasporto pubblico, trasporto con conducente e bike/car-sharing privati. Anche qui c’è la corsa all’integrazione delle soluzioni di spostamento multi-modale, che possano magari proporre tariffari unici e partecipati, per semplificare l’esperienza del viaggiatore.

La combinazione di topologia, geometria, rilevazione traffico e attributi precisi della strada, integrata con informazioni su qualsiasi forma di trasporto pubblico o privato, deve offrire a veicoli, prodotti, ma anche a cittadini e turisti, sempre maggiore consapevolezza e automazione degli spostamenti, riducendo tempi di percorrenza e distribuendo il traffico dei grandi e piccoli mezzi in modo nuovo e più sicuro. Allora sì che potremo ridisegnare le nostre nuove micro-città, senza rinunciare alla reperibilità dei nostri prodotti e delle nostre esperienze preferite!

Torna a tutte le PdAnews
PARLA
CON PDA